27.03.2019

ARIA PULITA MOBILITÀ ELETTRICA. PRESENTATO OGGI IN SEDE CONFINDUSTRIA FOGGIA IL NUOVO PROGETTO DI AMGAS BLU.

La nuova ‘era’ è già iniziata. Parola di Amgas Blu che oggi ha presentato il nuovo progetto ARIA PULITA, ponendo l’accento sull’importante momento di transizione che sta vivendo il settore della fornitura di energia elettrica. Il mercato dell’energia e il modo di venderla stanno, infatti, cambiando, così come cambiano i servizi offerti, sempre più collegati alla mobilità del futuro. Una trasformazione che le imprese e i comuni devono necessariamente affrontare in tempi brevi.

Da questa consapevolezza è nato “ARIA PULITA – Mobilità elettrica, la nuova e-ra”, appuntamento organizzato da Amgas Blu in collaborazione con Confindustria Foggia.

L’evento, rivolto al mondo imprenditoriale e alle aziende pubbliche, si è svolto oggi pomeriggio presso la sede foggiana di Confindustria.

Dopo il saluto di Gianni Rotice, Presidente di Confindustria Foggia, e l’introduzione di  Alfonso De Pellegrino, Direttore Operativo di Amgas Blu, sono intervenuti Stefano Busolin, Presidente Ascotrade, azienda capofila delle società di vendita del Gruppo Ascopiave e iniziale promotrice del progetto,  e Roberto Colicchio, Head of Business Development di Be Charge. L’incontro è stato moderato da Micky de Finis del Centro Studi Confindustria Foggia.

1

Le aziende automobilistiche stanno sviluppando nuovi modelli  di auto elettriche, ibride o plug-in con il crescente interesse da parte dell’industria, degli operatori, delle istituzioni e degli utenti finali. In questo contesto, Amgas Blu in collaborazione con Volkswagen e Be Charge ha dato vita al progetto ARIA PULITA, nuovo pacchetto green per lo sviluppo dei servizi di e-mobility  dedicato alle aziende e ai comuni. Dalla colonnina di ricarica al noleggio a lungo termine dell’automobile ogni dettaglio è stato curato per sensibilizzare la clientela su questa importante tematica e offrire un servizio chiavi in mano.

«Futuro della mobilità, nuove tecnologie, sviluppo infrastrutturale e coinvolgimento imprenditoriale sono le tematiche affrontate durante il convegno organizzato da Confindustria e Amgas Blu ieri a Foggia – ha commentato Alfonso De Pellegrino, direttore operativo di Amgas Blu – Le aziende automobilistiche stanno sviluppando nuovi modelli di auto elettriche, ibride o plug-in, con il crescente interesse da parte dell’industria, degli operatori, delle istituzioni e degli utenti finali. Lo sviluppo della mobilità elettrica è un processo senza ritorno, ma non potrebbe essere così capillare e veloce se non ci fossero realtà che come Amgas Blu, sul territorio, incentivano attività di consulenza su misura volta a soddisfare i bisogni di mobilità della clientela industriale e pubblica oggi e della clientela privata domani, integrando anche l’offerta elettrica dedicata: il progetto Aria Pulita è infatti il nuovo pacchetto green di fornitura di energia elettrica per lo sviluppo dei servizi di mobilità smart dedicato alle aziende e alle pubbliche amministrazioni che mira a contribuire allo sviluppo della rete infrastrutturale di ricarica sul territorio foggiano».

«La nuova ‘era’ è già iniziata – parola di Stefano Busolin, presidente di Ascotrade, azienda di vendita di gas ed energia elettrica capofila del Gruppo Ascopiave di cui fa parte anche la foggiana Amgas Blu – Nel nostro settore stiamo vivendo un importante momento di transizione: cambia infatti il mercato dell’energia e il modo di venderla, così come cambiano i servizi offerti, sempre più collegati alla mobilità del futuro. Una trasformazione che le imprese devono necessariamente affrontare in tempi brevi. Gli scenari che si aprono grazie alle nuove tecnologie sono infiniti – continua Stefano Busolin – e le aziende non devono farsi cogliere impreparate. All’interno del convegno tenutosi ieri, organizzato da Confindustria e Amgas Blu abbiamo potuto assistere a un momento di confronto con il mondo produttivo foggiano, per discutere in particolare dello sviluppo della mobilità, focalizzandoci sulle innovazioni in tema di veicoli elettrici e sullo sviluppo delle infrastrutture sul territorio delle stazioni di ricarica, primo passo verso la modernizzazione. Da qui partirà infatti quel lento passaggio che porterà dall’endotermico all’elettrico. Le aziende sono veicolo di innovazione nel territorio, è quindi naturale che siano le prime interlocutrici in un processo dalle grandi prospettive come quella dell’auto elettrica».

Torna alle altre news