Caldaia in blocco? Ecco le principali cause e le possibili soluzioni

Ritrovarsi al freddo e senza acqua calda, specie in pieno inverno, non è mai piacevole. Ecco perché è importante che la nostra caldaia sia sempre ben controllata ed efficiente.

Oltre alla manutenzione ordinaria, da effettuarsi periodicamente con il supporto di un tecnico specializzato, è bene tenere sotto controllo anche altri fattori che potrebbero mandare improvvisamente in blocco questo elettrodomestico fondamentale per la nostra abitazione.

Se la tua caldaia è in blocco può essere utile identificare il problema prima di ricorrere all’intervento del caldaista che, in alcuni casi, potrebbe non essere necessario.

Molte cause sono spesso risolvibili con piccoli interventi fai da te. Nei casi più impegnativi, potresti non aver bisogno del tecnico della caldaia, ma di un altro tipo di professionista in grado di intervenire su problematiche diverse, evitando così di sostenere inutili spese.

Vediamo insieme le cause più frequenti che possono portare a un’interruzione improvvisa del funzionamento della caldaia.

 

Calcare

Tra le problematiche più comuni legate agli impianti idraulici, c’è l’accumulo del calcare che intralcia il flusso normale dell’acqua calda che dunque non raggiunge la pressione sufficiente per scaldarsi.

Se il getto di acqua calda dei tuoi rubinetti è più debole rispetto a quello freddo, l’acqua non si scalda quanto dovrebbe e noti del calcare nei filtri della doccia, probabilmente la causa del malfunzionamento è proprio questa.

In questo caso occorre chiamare l’idraulico per liberare le tubature incrostate e valutare insieme a lui se procedere con l’inserimento di un filtro anticalcare o un filtro defangatore, che aiuti a contenere il problema.

Malfunzionamento legato al gas

La caldaia potrebbe andare in blocco anche per via di un’interruzione del gas, oppure a causa dell’esaurimento del GPL, nel caso venga impiegato questo combustibile. Come accertarsene? Puoi verificare da te per capire se è questa l’origine del problema, provando semplicemente ad accendere i fornelli della cucina.

Se, invece, si tratta dell’ostruzione della valvola che alimenta la caldaia e non consente il regolare tiraggio dei gas di scarico, è opportuno rivolgersi ad un professionista.

Malfunzionamento elettrico

Tra le cause che portano al blocco della caldaia potrebbero esserci anche problemi relativi al sistema elettrico. Potresti trovarti, infatti, di fronte a un’interruzione temporanea della corrente, oppure a un guasto all’impianto. In entrambi i casi non potrà innescarsi la scintilla di accensione e la caldaia resterà spenta.

Se l’interruzione della corrente è solo temporanea, basterà aspettare il ripristino dell’elettricità. Diversamente, è consigliabile controllare lo stato degli elettrodi, che potrebbero essersi ossidati. Oppure, se la tua caldaia ha un po’ di anni, è utile fare un check alla batteria. Nelle caldaie moderne, sul display si segnala il problema e, in alcuni casi, il blocco potrà risolversi con un reset della caldaia.

Altre cause di blocco

Se la caldaia va in blocco di frequente, controlla la pressione dell’acqua che non dovrebbe mai essere inferiore a 1,5 bar e superiore ai 2 bar. Basta azionare il manometro della caldaia e riportare la pressione al livello giusto.

Un altro motivo del blocco può essere dovuto all’aria interna ai termosifoni. Si possono, infatti, creare delle bolle che impediscono il corretto funzionamento del sistema di riscaldamento. Per far fronte a questo inconveniente, è consigliabile sfiatare i termosifoni e ricontrollare la pressione dell’acqua. I termosifoni vanno tenuti puliti evitando di coprirli, per non ostruire il radiatore.

Hai bisogno di una nuova caldaia?

Se hai già provato queste soluzioni ma ormai è arrivato il momento di dire addio alla tua vecchia caldaia, scopri l’offerta Hera Caldaia di Ascotrade. Ecobonus al 65% immediato in fattura, sopralluogo gratuito, termostato smart incluso.